764798919

La coda è spettinata!

La tendenza per il 2018 è chiara. Sì alla coda di cavallo spettinata, vagamente ribelle e non troppo perfettina. Senza se e senza ma. Niente effetto tiratissimo e con la chioma domata a regola d’arte, anzi.

La versione più chic e trendy della più classica delle acconciature raccolte, cioè la coda, è spettinata. Alta o bassa. Centrale o laterale. Qualunque sia la posizione scelta, la coda deve essere disinvolta e rilassata, con qualche ciocca ribelle.

Ok, via libera alla valorizzazione delle chiome extra-large con una bella coda ricca e voluminosa, ma come realizzarla alla perfezione?

Innanzitutto, senza puntare alla perfezione, anzi tutto il contrario. I capelli devono avere una piega naturale, né troppo lisci né troppo mossi. Un ottimo alleato allo scopo, capace di conferire corpo, spessore e densità al capello con una semplice applicazione senza risciacquo, è la mousse texturizzante Kopexil. E, per ottenere il risultato voluto, prima di raccogliere i capelli nella coda e fissarli con un laccio il consiglio è di cotonare leggermente le radici con l’aiuto di un pettine a denti stretti.

Un piccolo trucco per massimizzare il tono sofisticato di questa coda? Dopo averla legata con il laccio, per nasconderlo elegantemente basta prendere una piccola ciocca di capelli e girarla attorno alla coda per poi fissarla con una forcina.

 

 

Creattiva consiglia:

mousse-texturizzante-kopexil-tm-erilia-therapy-

 

 

518338099

Capelli perfetti a San Valentino: 3 idee

Capelli perfetti a San Valentino? Ecco 3 idee per acconciare la chioma nella giornata più romantica dell’anno, per colpire il partner valorizzando e lasciando sciolti i capelli. Ecco 3 idee per non lasciarsi tentare dalla comodità dei rassicuranti grandi classici raccolti, come chignon e code di cavallo, per stupirlo con femminilità e originalità.

 

1 – Accessori scintillanti per illuminare la chioma in modo divertente e decisamente trendy. Piccoli e grandi dettagli per dare alla solita piega una luce tutta diversa: basta un cerchietto semi prezioso, una molletta o una forcina glitterata e il gioco è fatto.

2 – Onde sinuose e super femminili, per un risultato da femme fatale con un allure senza tempo. Niente boccoli troppo composti, ma onde lunghe e morbide, da portare tutte da una parte, optando per una riga laterale e un ciuffo basso. Per esaltare l’effetto ondulato, dopo aver passato l’arricciacapelli e prima di spazzolare la chioma, via libera a un prodotto ad hoc dalla triplice azione lucidante, idratante e protettiva, il Crystal Spray Gas, che assicura un elegante effetto seta.

3 – Mezzo raccolto, molto romantico. Capelli sciolti, ma non completamente. Basta raccogliere solo due ciocche laterali, magari in un morbido half bun o in una piccola treccia sul retro, per mettere più in risalto il viso, creando un po’ di movimento extra anche nelle capigliature più maxi e lisce.

 

Creattiva consiglia:

Spray illuminante extra shine

Spray illuminante extra shine

536906989

5 acconciature a prova di palestra

5 acconciature a prova di palestra e di tutti – o quasi – gli altri sport. Un po’ perché l’ansia da prova costume comincia a farsi sentire, un po’ perché i sensi di colpa per i bagordi culinari delle feste natalizie non mancano, muoversi è un’esigenza sempre più pressante. Anche chi ha ceduto alla pigrizia nei mesi autunnali, da gennaio varca di nuovo la soglia della palestra o decide di armarsi di buona volontà e di dedicarsi al jogging.

E, perché accontentarsi di una vecchia tuta e di capelli in disordine per fare attività fisica, quando si può essere belle e sofisticate anche mentre si bruciano calorie?

Via libera quindi a leggings di tessuti tecnici con felpe coordinate, che massimizzano la libertà di movimento con un occhio alla femminilità, ma anche alle pettinature giuste. Ecco 5 acconciature a prova di palestra e di sudore.

 

1 – La fascia. Forse fa un po’ aerobica anni ’80, ma è sicuramente l’accessorio per capelli più compatibile con palestra e sport, capace di coniugare praticità e femminilità. Il segreto per non sembrare una pallida imitazione di Jane Fonda con gli scaldamuscoli è di evitare i modelli più classici, lisci e in spugna bianca, preferendo le fasce con il nodo centrale magari in pendant con il look.

2 – Il wet look. O acconciatura effetto bagnato. Non servono molti strani trucchi, basta lasciare i capelli umidi e stropicciarli a dovere con gel o schiuma. Il consiglio è di tirarli tutti all’indietro per raccoglierli in una coda composta o uno chignon ordinato.

3 – Lo chignon spettinato. Ideale per mascherare la fatica dopo step e flessioni, perfetto per chi ha chiome lunghe e voluminose, questo chignon si realizza facilmente, raccogliendo prima i capelli in una coda da avvolgere poi su se stessa e fissata con l’aiuto di un elastico. Il tutto evitando di tirare troppo i capelli, anzi, lasciando volutamente qualche ciuffo ribelle.

4 – La coda alta. Semplice, pulita ed efficace. Comoda per correre, ma anche per fare una intensa lezione di spinning, si realizza in modo semplice e veloce, con l’aiuto di un elastico. Il trucco è mettersi a testa in giù, per raggruppare tutta la capigliatura ben al di sopra della nuca nel modo migliore.

5 – Le trecce. Nelle ultime stagioni sono le regine incontrastate delle acconciature, adatte ai look da sera, ma anche a quelli più sportivi da palestra e da corsetta al parco con il cane. Ottima quella alla francese, laterale e bon ton, ma anche quella a spina di pesce, da lasciare scendere fino alle scapole. Una perfetta alternativa, poi, è lo chignon intrecciato: basta fare una coda altra, da intrecciare a dovere e poi arrotolare su se stessa, per poi fissare il tutto con una forcina.

 

Creattiva consiglia:

Shampoo Mousse Addolcente UNISEX

Shampoo Mousse Addolcente UNISEX

138310836

Come nascondere i capelli bianchi

Come nascondere i capelli bianchi con astuzia e furbizia. Come celare la ricrescita tra una sessione e l’altra nel salone del parrucchiere, senza il rischio di apparire sciatta e trascurata? Sì, perché può capitare a tutte di non essere sempre impeccabili, di lasciarsi sfuggire qualche capello bianco. E, allora, che fare? Semplice: l’unica soluzione valida è il proprio parrucchiere di fiducia che a colpi di tinta e spazzola risolve la situazione in poco meno di due ore.

 

Ma se le sapienti mani dell’hair stylist non sono proprio a portata di mano, ci sono trucchi e trucchetti davvero utili per temporeggiare, senza rischiare pericolose cadute di stile.

 

Ecco qualche consiglio utile per ingannare ricrescite & co.

 

-       Volume e movimento aiutano sempre. Quando ci sono la ricrescita e qualche filo bianco di troppo nella chioma, meglio evitare le pieghe troppo lisce e piatte. Ideali, al contrario, ricci e brushing mosso: per ottenere un risultato soddisfacente, il consiglio è di asciugare i capelli a testa in giù, utilizzando il diffusore ed evitando di spazzolarli. Per massimizzare l’effetto, poi, meglio affidarsi a una cipria volumizzante, che dona corpo alle radici e garantisce la massima tenuta alla piega, come Styling App Volume Duxt di Creattiva.

-       I raccolti possono essere davvero strategici. Anche in questo caso, niente di troppo liscio o tirato, le acconciature più azzeccate sono quelle mosse e quasi spettinate. Perfetti gli chignon alti, morbidi e con qualche ciocca ribelle, per esempio.

-       Alcuni accessori sono alleati preziosi. Sicuramente cuffie e berretti, cappelli e cappellini camuffano il problema immediatamente. Ma anche altri dettagli meno invasivi e coprenti possono essere utili: fasce e cerchietti sono la scelta più glamour per mascherare con stile la ricrescita, così come foulard e turbanti.

-       Righe e ciuffi sì, ma senza troppa precisione. Righe in mezzo e frange, righe laterali e ciuffi sugli zigomi sì, ma meglio se non sono troppo netti e “geometrici”, perché rischiano di mettere in evidenza i capelli bianchi invece di nasconderli.

 

Creattiva consiglia:

Volume duxt - cipria volumizzante

Volume duxt – cipria volumizzante

488239550

Capelli perfetti sulla neve

L’inverno è entrato nel vivo, le temperature sono ufficialmente da brivido e per molti freddo fa rima con montagna. Ma come fare per avere capelli perfetti anche sulla neve? Niente di impossibile, anzi. Semplicemente, basta scegliere l’acconciatura giusta, l’hairlook ideale per le piste da sci. E seguire qualche consiglio su misura per l’occasione.

No ai capelli sciolti. Belli e d’effetto, sicuramente, ma solo per pochi minuti, poi il freddo e l’umidità rischiano di conferire alla chioma un aspetto tutt’altro che meraviglioso, con punte secche e radici crespe decisamente poco piacevoli alla vista.

Sì a idratazione e qualche attenzione extra. In montagna i capelli meritano un po’ di coccole più del previsto. La parola d’ordine è nutrimento. Per contrastare secchezza ed effetto crespo, meglio puntare su maschere a base di olii vegetali e prodotti illuminanti ad hoc, come Crystal Spray Gas, che garantisce alla capigliatura un benefico mix di luminosità, protezione e idratazione.

Freddo contro il freddo? Non è esattamente una teoria scientifica, ma il suggerimento pratico di concedere ai capelli dopo lo shampoo un risciacquo con acqua fredda è sicuramente valido. Sì, perché così facendo si contrastano efficacemente l’elettricità statica e i suoi effetti collaterali sulla bellezza della chioma.

Via libera ai raccolti. Sulla neve, meglio puntare tutto sui raccolti, è proprio il caso di dirlo. Non chignon improvvisati e disordinati, ovviamente. E nemmeno acconciature elaborate degne del gran ballo. Ma semplici soluzioni classiche e ricercate. Due, in particolare, vincono su tutte le altre opzioni, perché si abbinano alla perfezione con cuffie e cappelli, sciarpe e dolcevita. La treccia, che si può sfoggiare in diverse versioni, da quella doppia un po’ romantica a quella più modaiola bassa e a spina di pesce, e la coda. Un consiglio valido sia in caso di trecce sia in caso di code: un po’ di lacca aiuta a fissare e aggirare il pericolo elettricità statica; le acconciature all’altezza della nuca sono più comode con cuffie & co.; forcine e mollette andrebbero limitate per massimizzare il comfort.

 

Creattiva consiglia:

Spray illuminante extra shine

Spray illuminante extra shine

 

522305768

Capelli uomo: tutti i prodotti per lo styling

Capelli uomo, tutti i prodotti per lo styling. Cioè gli “attrezzi del mestiere” che ogni uomo dovrebbe avere a portata di mano per sfoggiare sempre una chioma all’altezza della situazione. Sì, perché anche i capelli corti – sia declinati al maschile sia interpretati al femminile – meritano qualche cura ad hoc per avere un aspetto ordinato.

Il gel. In assoluto il miglior alleato dello styling in versione maschile. Utilizzatissimo da giovani e meno giovani ogni giorno. Fondamentale soprattutto per fissare la chioma nella posizione scelta, per domare ciuffi e ciuffetti senza rischi. Ovviamente, più se ne utilizza, più la tenuta ci guadagna e, di contro, l’effetto naturale ci perde, ma agli uomini è concesso.

La mousse testurizzante. Una soluzione meno invasiva del gel, sicuramente. Non fissa, ma assicura più movimento e corpo alla chioma, conferendo anche ai capelli più corti un aspetto naturalmente ribelle e originale. Densificante e rivitalizzante, la Mousse Testurizzante KOPEXIL Erilia Therapy ha una formula senza risciacquo e agisce garantendo più corpo e spessore anche ai capelli deboli e sottili.

La cera. Solo per intenditori. Immancabile per modellare e domare la capigliatura, ma anche per lucidare i capelli e dare allo styling un tocco di glam in più che non guasta mai. Si utilizza con i capelli asciutti e assicura una buona tenuta, senza fissaggi estremi.

 

Creattiva consiglia:

mousse-texturizzante-kopexil-tm-erilia-therapy-

Mousse Texturizzante KOPEXIL TM Erilia Therapy

 

692135082

Riflessi fuori posto? Eliminali!

Riflessi fuori posto? Ecco che la chioma sembra subito in disordine, poco curata e pensata. In questo caso c’è una sola cosa da fare. Non pensarci troppo, se i riflessi non sono decisamente voluti, eliminali!

Il sole non aiuta, il freddo, il vento, i continui stress rischiano di peggiorare la situazione. Il colore non solo ha perso il suo originale smalto, la sua splendente lucentezza, si è arricchito di involontari quanto antiestetici riflessi. Se il castano miele vira un po’ troppo al rame o il biondo sembra quasi rosso, che fare?

Se è vero che i lavaggi troppo frequenti sono tra le cause del problema, soprattutto se si utilizza un prodotto detergente non ad hoc, è altrettanto vero che lo shampoo giusto al momento giusto, invece, aiuta parecchio. Via libera, quindi, allo shampoo viola: si tratta di un prodotto colorante perfetto per camuffare i riflessi rossi indesiderati. Quando i riflessi da nascondere, invece, sono ramati, meglio optare per uno shampoo malva.

Quando, purtroppo, la situazione è disastrosa, e questa soluzione fai da te a base di shampoo viola o malva non basta, non resta altra scelta possibile. Per non rischiare di compromettere ulteriormente la bellezza del colore e, quindi, della chioma, le mani del professionista in salone sono le uniche preziose a cui affidarsi.

Un paio di consigli in termini di prevenzione però sono d’obbligo.

1 – Non stressare la chioma con continui lavaggi, limitandoli a due la settimana se possibile. E, ovviamente, utilizzando lo shampoo giusto: un prodotto specifico per capelli colorati preserva lucentezza e integrità della tinta.

2 – Proteggere sempre i capelli aiuta. Sia quando l’esposizione al sole è prolungata, con cappelli e maschere idratanti. Sia quando le temperature e le condizioni meteo sono avverse, con cuffie e foulard, per esempio.

 

Creattiva consiglia:

gloss-color-nero

Maschera ravvivante del riflesso in gel

646767658

5 acconciature anni ’90 da dimenticare

5 acconciature anni ’90 da dimenticare, che, osiamo aggiungere, per fortuna sono definitivamente passate di moda. Anche se i nostalgici degli anni che furono ricorderanno anche banane e ciocche decolorate con un pizzico di affetto, alcune pettinature che hanno segnato l’ultimo decennio dello scorso millennio sono da considerare archiviate, senza possibilità di appello.

Non ci sono corsi e ricorsi della moda che tengano. Queste 5 acconciature erano brutte e, attualizzate nel nuovo millennio, sono assolutamente inguardabili. Che ne pensate?

1 – Le punte coloratissime. O bi-color che dir si voglia. Un vero e proprio insulto all’effetto naturalmente chic più ricercato del momento. Un classico era la chioma nera corvina con le punte dei colori più estremi, dal rosso fuoco al rosa shocking.

2 – Le scalature geometriche, che incorniciavano il viso. Ma che, nella maggior parte dei casi, avevano effetti discutibili, regalando capigliature stile caricatura spigolosa alle malcapitate che si lasciavano sforbiciare a suon di righello e goniometro.

3 – I ciuffetti laterali. Sì proprio loro. Quando le frange bombate e le banane degli anni ’80 hanno finalmente lasciato campo libero sono apparsi loro, i ciuffetti più corti che facevano capolino ai lati della fronte anche dalle acconciature più raccolte e tirate.

4 – I colpi di sole più estremi, frutto di decolorazioni che avevano il contrasto più spinto come ispirazione e che sembrano spennellati dalla radice alle punte con una precisione quasi geometrica.

5 – I fermacoda vistosi. Tentano ciclicamente un timido ritorno, ma sono sempre e comunque da annoverare tra gli accessori più kitch e meno sofisticati che si possono indossare tra i capelli. Senza se e senza ma.

Woman in Santa style costume

5 acconciature per Natale

5 acconciature per Natale. 5 modi originali e sofisticati per dare alla chioma un tocco di novità, per sfoggiare un look un po’ diverso dal solito. Sì, perché trattandosi del periodo più magico dell’anno, delle festività natalizie, le occasioni per essere belle sono ancora più numerose e importanti.

 

Ecco un quintetto di idee per acconciare davvero i capelli per le feste.

1- La coda mossa. Facile da realizzare, dal risultato assicurato. Il consiglio è di realizzare prima di tutto una piega mossa, con le onde morbide su tutte le lunghezze. Poi basta fare una riga in mezzo, proseguire raccogliendo tutta la chioma sul retro, all’altezza della nuca con le mani, cotonando leggermente con un pettine a denti sottili e legando la coda con un elastico. Il tocco da aggiungere è il nastro intorno alla coda, che può essere luccicante, in raso o velluto, preferibilmente in tinta con il look indossato.

2 – La corona di trecce. Perfetta per i semi raccolti eleganti e alla moda, la corona di trecce si realizza utilizzando solo la parte anteriore della chioma, quella che incornicia la fronte. Partendo dalla riga dei capelli, che può essere sia centrale sia laterale, si realizzano due trecce, da fissare sul retro della testa con una forcina per lasciare il resto della capigliatura sciolta e morbida.

3 – Fiocchi e nastri speciali. Ogni acconciatura, dalle trecce alle code, fino al più classico degli chignon si può rendere più speciale con l’aggiunta di un accessorio. In queste feste natalizie, via libera ai nastri e ai fiocchi, sia per fissare le pettinature, sia per esserne protagonisti. Un esempio: la treccia realizzata intrecciando tra i capelli un delicato nastro in velluto.

4 – Uno chignon diverso dal solito. Uno chignon un po’ più romantico e sbarazzino da ottenere con l’aiuto di una treccia. Si comincia con una coda a media altezza, con la quale si realizza la treccia. Fissate le estremità con due lacci, non resta che attorcigliare la treccia su se stessa, puntarla con delle forcine nascoste e il gioco è fatto.

5 – Capelli sciolti e luccicanti. Non è proprio detto che la solita piega con i capelli sciolti sia banale e scontata. Anzi. Basta illuminarla con un dettaglio glamour e imprevisto per ottenere un effetto wow garantito. Quindi via libera a fermagli e fasce, cerchietti e mollette brillanti e dall’allure vintage.

African american young woman smiling

Capelli ricci: trend inverno 2017

Capelli ricci, croce e delizia di molte. Chi li ha liscissimi come spaghetti li sogna da sempre, chi ci convive da una vita li stira appena può. Insomma, sarà proprio vero il detto “ogni riccio un capriccio”? Forse, ma è sicuramente vero che con l’hairstyle giusto, il taglio ad hoc e qualche consiglio su misura i capelli ricci sono bellissimi e meno difficili da gestire di quanto si creda.

E, secondo i trend di questo inverno 2017, le chiome più sbarazzine si sfoggiano così: con questi tagli e con queste acconciature.

Il capitolo taglio si può affrontare i tre modi diversi, per essere alla moda in questa stagione fredda.

1 – Un taglio corto e originale. Se si vuole porre l’accento sui lineamenti del viso, sfruttando il naturale volume dei capelli, il consiglio è di optare per un taglio corto, scalato e super vaporoso, dove i ricci sono definiti, abbondanti e protagonisti assoluti. Ideale per dare ancora più carattere ai profili più dolci e aggraziati.

2 – Un taglio medio e voluminoso. Chi l’ha detto che il caschetto è solo roba per chiome extra lisce? Con qualche scalatura al punto giusto e le proporzioni studiate al centimetro, il bob è perfetto anche per i capelli ricci. Bellissimo per i visi più spigolosi e dai lineamenti decisi.

3 – Un taglio lungo e morbido. Lunghi o lunghissimi, i ricci sono più delle onde delicate che incorniciano il viso e toccano le spalle. Ottima scelta per le figure più alte e slanciate.

Per quanto riguarda le acconciature più modaiole da fare con i capelli ricci, invece? Anche in questo caso, tre possibilità validissime.

1 – La treccia. Bellissima quella laterale, da realizzare non tirando troppo il resto della capigliatura e da fissare sul fondo con un nastro, magari di velluto come vuole la tendenza del momento.

2 – La coda. Il consiglio è di optare per una coda non troppo alta e molto morbida, per esaltare il naturale volume delle chiome ricce.

3 – Il semi raccolto. Giusto per non mascherare troppo i ricci, anzi. Basta raccogliere solo le due estremità superiori della chioma, in un half bun o in una treccina, e l’acconciatura è pronta.

Creattiva consiglia:

styling-app-curly-oil-mousse